Julia Hill

JULIA HILL (English)

Better known as Julia Butterfly Hill (Mount Verno, February 18, 1974), is an American environmentalist and writer.

It became known because it stayed for 738 days in the Headwaters Forest, located in Humboldt County (California), from December 1997 to December 1999, on a redwood about 55 meters high to prevent it being cut down by the Pacific Lumber Company. She recounted her stay on the tree in the book The legacy of Luna (Luna is the name given to the sequoia), translated into Italian with the title The girl on the tree.

As I write this, at the age of twenty-five, I have lived for more than two years on an ancient sixty-meter-high sequoia, located on the Pacific Lumber property. I have survived storms, threats, loneliness and doubts. I have known the magnificence and devastation of one of the oldest forests on Earth. I live in a tree called Luna. I’m trying to save his life. Believe me, that wasn’t exactly what I intended to do with my life. «

It was 1997 and the peaceful existence of an ordinary girl who survived a dramatic car accident that cost her brain damage and intensive care for nearly a year, is suddenly turned upside down by a call. How else can we define this unprecedented enterprise that has inspired and opened the hearts of millions of people around the world? The one who soon turned into Butterfly, or Julia Butterfly Hill, tells it when she finds herself, for the first time, in front of the giants of the Earth, the California sequoias, and can finally experience the truth of life as she herself defines this experience.

“Gripped by the spirit of the forest, I fell to my knees and began to sob… In this majestic cathedral, I could feel my whole being transform into new life. For a long time I sat crying. Eventually, the tears turned to joy and the joy to hilarity, and I sat laughing at the beauty around me. … Spirit of the Universe, I wanted to travel the world. Ever since I can remember, I’ve always wanted to travel. I finally have the chance and yet, suddenly, I feel compelled not to go. Please show me the way. «

The opportunity presents itself soon when, the activist group of Earth First! who is guarding the logging area of ​​Pacific Lumbern, a logging company in Humboldt County (Northern California), is asking for volunteers to occupy a tree that is about to be felled in an area already subjected to dangerous landslides and subsidence due to indiscriminate forest cutting.

The tree in question is baptized Luna (in Italian in the text) and in a short time it becomes a real beacon of the ecological battle in California and throughout the United States, managing to attract international attention. At the opening of this book for rebellious spirits, halfway between biography, adventurous diary and text of spiritual transformation, is the quote from John Muir, the pioneer of the Californian forests: «These kings of the forest, the noblest of a noble race, they belong by right to the world, but because they are located in California we cannot escape the responsibility of being their custodians. Fortunately, the American people live up to this responsibility. » This is how Julia Hill, at 23, feels she has to take on this responsibility and, without hesitation, she offers to climb a small platform fifty-five meters above the ground, placed on the tip of a sequoia that sways in the wind, overlooking a hill that is collapsing due to intensive deforestation. What follows this decision by Julia is a symbiotic relationship with Luna, a thousand-year-old creature, a coast redwood belonging to an ancient forest, a Sequoia sempervirens with a characteristic red bark, among the tallest trees in the world.

Julia, codenamed Butterfly, lives on Luna for seven hundred and thirty-eight days, shares the struggle for life with her in an area devastated by deforestation, together they face storms, cold, snow, torrential rains, angry lumberjacks, bulldozers, helicopters spreading napalm, continuous attacks by agents and employees of the company it is challenging, the Maxxam Corporation, which is about to carry out the so-called «razor cut», that is the cutting of trees of all ages and sizes and the consequent treatment of whole area with fire. In solitude, Julia establishes a special relationship with the sequoia, a bond that follows deep ecology as well as active environmentalism and these pages give ample evidence of this. The metamorphosis of the butterfly Butterfly is completed during the two harsh winters spent side by side with the millenary creature.

“Luna changed me. Living on this tree, I remembered how to listen, how to hear the world and the Creation speaking to me. I remembered how to feel connected and aware of the uniqueness that is deeply buried within us. (…) «

During a terrible hurricane that puts a strain on the girl’s steadfast character, Julia hears Luna’s voice speaking to her and from then on she will continue to ask her for advice: she will communicate with the sequoia through her voice, thought, tactile sensations, all senses. Julia will become one with the tree that hosts her and after this experience she will forever be her best friend.

“I closed my eyes and leaned my forehead, hands and feet against Luna. I imagined my energy flowing down the trunk, through the roots, into the ground. It helped me feel grounded. I felt the grandeur of the trunk and a deep energy that bound us «

After the first two weeks on top of the sequoia, Julia realizes that the occupation of a tree goes beyond the protection of the tree itself; it is an untouchable form of public service, it is a symbol of protection and attention to the entire forest, the animals that inhabit it and the community that surrounds it and that depends on its survival.

«The occupation of a tree is the last resort. When you see someone in a tree trying to protect him, you understand that society has failed on every level. Whoever occupies a tree with his gesture is communicating this to you: I have no other way to stop what is happening, I have no other system to make people aware of what is at stake. I followed the rules, but everything I was told to do failed. So it is my responsibility to make this last attempt, to put my body where my beliefs are. «

It was John Muir who set up the Sierra Club on May 28, 1892, the oldest and largest environmental organization in the United States, to implement a preservation program and to indicate the way to Yosemite National Park where more than a thousand giant sequoias survive today.

Julia says that efforts to protect the coastal redwoods continued and the female gender also joined the environmental struggle when, in the early 1900s, four women from Eureka, California, wrote letters to politicians, naturalists, celebrities and, later, they took their protest to the streets to create awareness in public opinion. Without activists past and present, most of California’s ancient forests would have fallen a long time ago. Julia intends to continue on that path because, without past and present activists, attention on some issues would decrease with the consequent lack of vigilance on the territory and on our environmental heritage.

Julia Hill is the spokesperson for this great ecological battle without ever having belonged to a group or association, and in her story she reiterates this position, but her enterprise would not have been possible if she had not received the help of all the people who , in full autonomy and freely, they supported her in every way, even going against the law, at the risk of their own lives and spending every possible energy.

A gesture of civil disobedience, that of climbing trees and occupying them which, after the Civil Disobedience by the American Henry David Thoreau (1849), brings attention back to the right and duty of citizens to ensure that the State or any established authority does not abuse of its power. Gandhi himself stated: “We cease to collaborate with our rulers when their actions seem unjust to us. This is passive resistance. «

Many of the rights we enjoy today, even if granted on paper, became effective only after acts of protest and civil disobedience. That is why I believe this book is a valid text for understanding society and our responsibilities as citizens and living beings.

The undertaking to occupy Luna proved to be important because it had a positive outcome and ended with a protection and safeguarding agreement of great symbolic value, for the conservation of Luna and the surrounding trees, something that had never happened before. then.

The intuition of attracting the attention of the media and public opinion on the protection of forests, by breaking the record for staying on a tree, has contributed to making the story of Julia Butterfly Hill and Luna a modern fairy tale. However The Girl in the Tree continued her struggle to become a world-renowned environmental activist and her civil disobedience also led her to face jail on July 16, 2002, in Quito, Ecuador, following the protest against an oil pipeline project that would have destroyed a large area of ​​virgin Andean forest.

Putting my body where my beliefs are «is a key phrase to be able to understand the greatness of this experience that each of us can relive through reading the words of Julia Butterfly Hill. And that almost twenty years have passed since that day is not important. Indeed, it is more than ever necessary today to reinterpret the need for a gesture that has changed the environmentalist vision. Today that our passivity is not resistance or even existence, but only inaction, lack of ideals, hope and strength, it is necessary to remember, as Julia suggests, that «Yes, one person can make a difference. Each of us does it. «

Luna survived the indiscriminate cutting of the forest but in 2000 she was the victim of an act of vandalism by unknown people who gave her a deep cut along half the circumference of the trunk. “I had the feeling that the saw was going through my body. I will continue to do what I can to save Luna and to save the rest of the ancient forests, «commented Julia Hill following the attack. Stabilized with brackets and steel cables, wounded but still standing, Luna resists and continues, with her presence, to mark the millennial time of the redwoods.


She was awarded an honorary doctorate in humanities from New College of California. WORKS Julia Butterfly Hill, The girl on the tree, translation by Elisa Frontori, Milan, Corbaccio, 2000, ISBN 88-7972-435-5. Julia Butterfly Hill, Everyone can make a difference, Milan, Corbaccio, 2002, ISBN 88-7972-542-4. 

Julia Hill (Italiano)

Meglio conosciuta come Julia Butterfly Hill (Mount Vernon 18 febbraio 1974), è un’ambientalista e scrittrice statunitense.

È diventata nota perché è rimasta per 738 giorni nella foresta di Headwaters, situata nella contea di Humboldt (California), dal dicembre del 1997 al dicembre del 1999, su una sequoia a circa 55 metri di altezza per impedirne l’abbattimento da parte della Pacific Lumber Company. Ha raccontato la sua permanenza sull’albero nel libro The legacy of Luna (Luna è il nome dato alla sequoia), tradotto in italiano con il titolo La ragazza sull’albero.

“Mentre sto scrivendo, all’età di venticinque anni, vivo da più di due anni su un’antica sequoia alta sessanta metri, collocata sulla proprietà della Pacific Lumber. Sono sopravvissuta a tempeste, minacce, solitudine e dubbi. Ho conosciuto la magnificenza e la devastazione di una foresta tra le più antiche sulla Terra. Vivo su un albero che si chiama Luna. Sto cercando di salvare la sua vita. Credetemi, non era proprio quello che intendevo fare della mia vita”.

Era il 1997 e la pacifica esistenza di una ragazza qualunque, sopravvissuta a un drammatico incidente stradale che le costa un danno cerebrale e la terapia intensiva per quasi un anno, viene improvvisamente sconvolta da una chiamata. In che altro modo poter definire questa impresa senza precedenti che ha ispirato e aperto il cuore a milioni di persone nel mondo? Lo racconta quella che di lì a poco si sarebbe trasformata in Butterfly, ovvero Julia Butterfly Hill, quando si trova, per la prima volta, di fronte ai giganti della Terra, le sequoie della California, e può finalmente sperimentare la verità del Creato e della vita come lei stessa definisce questa esperienza.

«Afferrata dallo spirito della foresta, caddi in ginocchio e cominciai a singhiozzare… In questa maestosa cattedrale, potevo sentire il mio essere intero trasformarsi in nuova vita. A lungo rimasi seduta a piangere. Alla fine, le lacrime si trasformarono in gioia e la gioia in ilarità, e rimasi seduta a ridere per la bellezza che mi circondava. … Spirito dell’Universo, volevo girare il mondo. Sin da quando ricordo, ho sempre desiderato viaggiare. Ne ho finalmente l’Occasione e tuttavia, improvvisamente, mi sento costretta a non andare. Ti prego, mostrami la strada.»

L’occasione si presenta presto quando, il gruppo di attivisti della Earth First! che sta piantonando, nella contea di Humboldt (Nord California), l’area di disboscamento della Pacific Lumbern, società nel settore della raccolta del legname, chiede dei volontari per occupare un albero che sta per essere abbattuto su un territorio già sottoposto a pericolose frane e cedimenti a causa del taglio indiscriminato della foresta. L’albero in questione viene battezzato Luna (in italiano nel testo) e nel giro di poco tempo diventa un vero e proprio faro della battaglia ecologica in California e in tutti gli Stati Uniti riuscendo a calamitare l’attenzione internazionale. Ad apertura di questo libro per spiriti ribelli, a metà tra biografia, diario avventuroso e testo di trasformazione spirituale, si trova la citazione di John Muir, il pioniere delle foreste Californiane: «Questi re della foresta, i più nobili di una razza nobile, appartengono di diritto al mondo, ma, poiché, si trovano in California, non possiamo sfuggire alla responsabilità di esserne custodi. Per fortuna, il popolo americano è all’altezza di questa responsabilità.» È così che Julia Hill, a 23 anni, sente di doversi assumere questa responsabilità e, senza esitazione, si offre di salire su una piccola piattaforma a cinquantacinque metri dal suolo, posta sulla punta di una sequoia che ondeggia al vento, a picco su una collina che sta franando a causa del disboscamento intensivo. Ciò che segue questa decisione di Julia è un rapporto di simbiosi con Luna, una creatura di mille anni, una coast redwood facente parte di una foresta antichissima, una Sequoia sempervirens dalla caratteristica corteccia rossa, tra gli alberi più alti al mondo.

Julia, nome in codice Butterfly, si trova a vivere per ben settecentotrentotto giorni su Luna, con lei condivide la lotta per la vita in una zona devastata dal disboscamento, insieme affrontano tempeste, freddo, neve, piogge torrenziali, boscaioli rabbiosi, ruspe, elicotteri che spargono napalm, attacchi continui di agenti e dipendenti dell’azienda che sta sfidando, la Maxxam Corporation, la quale sta per effettuare il cosiddetto “taglio a raso”, ossia il taglio di alberi di tutte le età e dimensioni e il conseguente trattamento dell’intera area con il fuoco. In solitudine Julia stabilisce un rapporto speciale con la sequoia, un legame che segue l’ecologia profonda oltre che l’ambientalismo attivo e queste pagine ne danno ampia testimonianza. La metamorfosi della farfalla Butterfly si completa durante i due rigidi inverni passati fianco a fianco con la creatura millenaria.

«Luna mi ha cambiato. Vivendo su questo albero, ho ricordato come ascoltare, come sentire il mondo e la Creazione che mi parlavano. Ho ricordato come sentire la connessione e la consapevole 

unicità che è sepolta profondamente dentro di noi.(…)»

Durante un terribile uragano che mette a dura prova il carattere fermo della ragazza, Julia sente la voce di Luna che le parla e da lì in poi continuerà a chiederle consiglio: comunicherà con la sequoia attraverso la voce, il pensiero, le sensazioni tattili, tutti i sensi. Julia diventerà tutt’uno con l’albero che la ospita e dopo questa esperienza sarà per sempre la sua migliore amica.
«Chiusi gli occhi e appoggiai a Luna la fronte, le mani e i piedi. Immaginai la mia energia che scendeva lungo il tronco, attraverso le radici, nel terreno. Mi aiutò a sentirmi con i piedi per terra. Avvertii l’imponenza del tronco e una profonda energia che ci legava»

Dopo le prime due settimane in cima alla sequoia, Julia comprende che l’occupazione di un albero va oltre la protezione dell’albero stesso; è una forma di servizio pubblico intoccabile, è un simbolo di protezione e attenzione verso l’intera foresta, gli animali che la abitano e la comunità che la circonda e che dipende dalla sua sopravvivenza.

«L’occupazione di un albero è l’ultima spiaggia. Quando vedi qualcuno su un albero per cercare di proteggerlo, capisci che la società ha fallito ad ogni livello. Chi occupa un albero con il suo gesto ti sta comunicando questo: non ho altro modo per fermare quello che sta succedendo, non ho altro sistema per rendere consapevole la gente di cosa c’è in gioco. Ho seguito le regole, ma tutto quello che mi è stato detto di fare ha fallito. Quindi è mia responsabilità fare quest’ultimo tentativo, mettere il mio corpo dove stanno le mie convinzioni.»

Fu proprio John Muir istituendo il il 28 maggio 1892 il Sierra Club, la più antica e grande organizzazione ambientale degli Stati Uniti, ad attuare un programma preservazionista e a indicare la strada per il Parco nazionale di Yosemite in cui oggi sopravvivono più di mille sequoie giganti.

Julia racconta che gli sforzi per proteggere le sequoie della costa continuarono e si unì alla lotta ambientalista anche il genere femminile quando, nei primi del Novecento, quattro donne di Eureka, in California, scrissero lettere a politici, naturalisti, personaggi famosi e, successivamente, portarono la loro protesta sulle strade per creare consapevolezza nell’opinione pubblica. Senza gli attivisti passati e presenti, la maggior parte delle antiche foreste della California sarebbe caduta molto tempo fa. Julia intende proseguire su quel sentiero perché, senza gli attivisti passati e presenti, l’attenzione su alcune tematiche diminuirebbe con la conseguente mancanza di vigilanza sul territorio e sul nostro patrimonio ambientale.

Julia Hill si fa portavoce di questa grande battaglia ecologica senza mai essere appartenuta a un gruppo o a un’associazione, e nel suo racconto ribadisce questa posizione, ma la sua impresa non sarebbe stata possibile se non avesse ricevuto l’aiuto di tutte le persone che, in piena autonomia e liberamente, l’hanno supportata in ogni modo, anche andando contro la legge, a rischio della propria vita e spendendo ogni energia possibile.

Un gesto di disobbedienza civile, quello di salire sugli alberi e di occuparli che, dopo il Civil Disobedience dell’americano Henry David Thoreau (1849), riporta l’attenzione sul diritto-dovere dei cittadini di vigilare affinché lo Stato o qualsiasi autorità costituita non abusi del suo potere. Lo stesso Gandhi affermava: «Noi cessiamo di collaborare coi nostri governanti quando le loro azioni ci sembrano ingiuste. Questa è la resistenza passiva.»

Molti dei diritti di cui oggi godiamo, pur se concessi sulla carta, sono divenuti effettivi soltanto dopo atti di protesta e di disobbedienza civile. Ecco perché ritengo che questo libro sia un testo valido per comprendere la società e le nostre responsabilità di cittadini e di essere viventi.

L’impresa di occupare Luna si è rivelata importante perché ha avuto un esito positivo e si è conclusa con un accordo di tutela e salvaguardia di grande valenza simbolica, per la conservazione di Luna e degli alberi circostanti, cosa che non era mai accaduta prima di allora.
L’intuizione di calamitare l’attenzione dei media e dell’opinione pubblica sulla salvaguardia delle foreste, attraverso il superamento del record di permanenza su un albero, ha contribuito a rendere la storia di Julia Butterfly Hill e di Luna una favola moderna. Tuttavia La ragazza sull’albero ha continuato la sua lotta fino a diventare un ambientalista attivista di fama mondiale e la sua disobbedienza civile l’ha portata anche a dover affrontare il carcere il 16 luglio del 2002, a Quito, Ecuador, in seguito alla protesta contro un progetto di oleodotto che avrebbe distrutto un’ampia area di foresta vergine andina.

Mettere il mio corpo dove stanno le mie convinzioni» è una frase chiave per riuscire a capire la grandezza di questa esperienza che ognuno di noi può rivivere attraverso la lettura delle parole di Julia Butterfly Hill. E che siano passati quasi venti anni da quel giorno non è importante. È, anzi, quanto mai necessario oggi reinterpretare la necessità di un gesto che ha cambiato la visione ambientalista. Oggi che la nostra passività non è resistenza e neppure esistenza, ma solo inazione, mancanza di ideali, di speranza e di forza, è necessario ricordare, come suggerisce Julia, che «Sì, una persona può fare la differenza. Ciascuno di noi la fa.»

Luna è sopravvissuta al taglio indiscriminato della foresta ma nel 2000 è stata vittima di un atto di vandalismo a opera di sconosciuti che le ha inferto un profondo taglio lungo metà della circonferenza del tronco. «Ho avuto come la sensazione che la sega mi attraversasse il corpo. Continuerò a fare il possibile per salvare Luna e per salvare il resto delle antiche foreste» ha commentato Julia Hill in seguito all’attacco. Stabilizzata con staffe e cavi d’acciaio, ferita, ma ancora in piedi, Luna resiste e continua, con la sua presenza, a segnare il tempo millenario delle sequoie.

Le è stato conferito un dottorato ad honorem studi umanistici dal New College della California.

Opere

Julia Butterfly Hill, La ragazza sull’albero, traduzione di Elisa Frontori, Milano, Corbaccio, 2000, ISBN 88-7972-435-5.

Julia Butterfly Hill, Ognuno può fare la differenza, Milano, Corbaccio, 2002, ISBN 88-7972-542-4.

Riferimenti bibliografici

https://it.wikipedia.org/wiki/Julia_Butterfly_Hill

https://www.terranuova.it/Il-Mensile/Julia-Butterfly-Hill-vent-anni-dopo-Luna

Collegamento QR

Direzione e responsabilità del progetto: Silvia Barrios

Collaborazione e contenuti: Manuela Troilo

Pagina web Progetto / archivio “Altar Mujeres SXXI #vidasenlucha”

Pagina archivio Facebook
https://www.facebook.com/altarmujeressxxi/?modal=admin_todo_tour

Per aderire alla proposta : silviabarriosarte@yahoo.com.ar

Invito MediaLab #comunidadCulturaSolidaria

Anuncio publicitario

Deja una respuesta

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Salir /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Salir /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Salir /  Cambiar )

Conectando a %s