Teresa Mattei

 Teresa Mattei 

Quel voto ce lo siamo conquistate. 

Nessuna Resistenza sarebbe potuta essere  

senza le donne. Si dice che furono poche le  

partigiane, ma non è vero: ogni donna che io  

ho incontrato in quel periodo era una  

partigiana. Per aver diviso a metà una  

patata con chi aveva fame, aver svuotato gli  

armadi per vestire i disertori, aver rischiato  

la vita tenendo in soffitta profughi o ebrei.  

Era quella la vera Resistenza. Io ho  

combattuto, ma certo non mi divertivo a far  

saltare i treni o altre cose. La violenza dei  

tedeschi lʼho pagata sulla mia pelle di  

donna. 

T.Mattei 

Teresa Mattei nasce a Quarto (Genova) il primo febbraio del  1921. Teresa, terza di sette figli, cresce negli anni del regime in  una famiglia antifascista. La giovane impara presto a sostenere  e a difendere le proprie posizioni. Al Liceo reagisce alla  propaganda razzista e viene espulsa. Ancora adolescente,  collabora nellʼantifascismo con lo pseudonimo di “Chicchi”,  diffonde la stampa e mantiene i contatti. Si reca a Mantova per  incontrare don Mazzolari ed è arrestata, poi si avvicina al Pci.  Nel 1944 si laurea in Filosofia e raggiunge Roma per avere  notizie del fratello detenuto a via Tasso. Quel viaggio la vede  vittima di violenze e di uno stupro ad opera di soldati tedeschi,  un episodio che renderà pubblico solo a distanza di molti anni.  Con la Liberazione, si dedica allʼattività politica, organizza i  giovani ed entra nellʼUdi: è in questa cornice che propone la  mimosa quale simbolo dellʼ8 marzo, una maternità rivendicata  anche da altre. 

Apprezzata dal partito, Teresa è chiamata da Togliatti a Roma;  è eletta alla Costituente. La più giovane delle costituenti allʼetà  

di ventisei anni aspetta un bambino da un uomo sposato. Una  gravidanza extra-matrimoniale che il partito critica ponendo la  giovane in una posizione marginale. Adottando lʼespediente del  matrimonio allʼestero, ella si reca in Ungheria per  “regolarizzare” lʼunione con Bruno Sanguinetti, ma ormai i  rapporti con il Pci sono compromessi, sebbene Teresa accetti  la candidatura alla I Legislatura. Le contraddizioni tra la sua  posizione libertaria e quelle del Pci sono profonde e viene  espulsa dal Partito. 

Rimasta vedova, si risposa con Iacopo Muzio, partigiano e  comunista, dal quale ha due figli; alla fine degli anni Sessanta  si separa. Seppure lontana dalla scena politica istituzionale, in  lei rimane vivo il senso della responsabilità civile: rivolge  attenzione allʼinfanzia e promuove numerose iniziative quali  «Radio Bambina», rivolta allʼinfanzia bosniaca colpita dalla  guerra. Coerente con questo progetto è la proposta  dʼintegrazione dellʼarticolo 3 «pari dignità di tutti, bimbi  compresi». Nel 1966, quale presidente della Cooperativa monte  Olimpino di Como, insieme con Bruno Munari e Marcello  Piccardo, realizza e produce film nelle scuole, ideati dai  bambini. Con la Lega per i diritti dei bambini alla  comunicazione, Teresa è al centro di molte campagne per la  non violenza. 

Muore a Lari (Pisa) il 12 marzo del 2013.

Riferimenti:

https://www.raiplayradio.it/audio/2020/10/VITE-CHE-NON-SONO-LA-TUA-f59f6823-65f8-4566-abd4-9b20111713c5.html

https://www.raicultura.it/storia/articoli/2019/01/Teresa-Mattei-cb6de61d-9940-4c49-8ad6-b42efb6a8ab5.html

https://www.raiplayradio.it/audio/2017/03/Teresa-Mattei—Wikiradio-del-08032017-cacb40a3-2b11-4333-afb7-65a2a1209a2f.html

Collegamento virtuale

Direzione e responsabilità del Proyecto/archivo “Altar Mujeres SXXI”:  Silvia Barrios

Artista in collaborazione nell’illustrazione e nella ricerca:

Maria Valerio

Per aderire alla proposta: silviabarriosarte@yahoo.com.ar

Sito web correlato: https://wp.me/pw9JC-5wq

Sito web del progetto / archivio “Altar Mujeres SXXI” : https://altarmujeressxxi.wordpress.com/

Sito web dell’artista: https://silviabarriosplasticaceramista.wordpress.com/

Anuncio publicitario

Deja una respuesta

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Salir /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Salir /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Salir /  Cambiar )

Conectando a %s